Yes, darling. Life sucks

Momenti di disperato ottimismo

"da me lasciati baciare e non mi dir di no, o Rosamunda se mi baci tu, o Rosamunda non resisto più"

Lei
(dopo mezz'ora di sproloqui telefonici): e insomma, per farla breve, avrai intuito che sono in un momento di forte crisi psicofisica ho perso il baricentro e non so cosa ne farò della mia vita, se sarò da sola o con qualcuno e se sarò qui o invece partirò per il botswana insomma non so, è tutto intorno a me, la legge morale dentro di me il cielo stellato sopra di me, un' esplosione vorticosa di sensi, capisci che intendo?
Lui: certo. e quindi?
Lei: quello che cerco di dirti è che ho dei dubbi sul continuare o meno la nostra storia
Lui: e io che te posso dì?
Lei: no, niente, pensavo che forse mi sarebbe necessaria una pausa, perché non vorrei affliggerti con i miei momenti di scoramento
Lui: sono d'accordo. vada per la pausa.
Lei:tutto qui? e poi volevo anche dire...
Lui: pausa.
Lei: ...che io a te ci teng...
Lui (autistico): pausa.
Lei: potremmo anche scambiarci degli sms magari, eh, che ne pensi, eh eh eh?
Lui: pausa.
Lei: azz ti vedo bello motivato co' sta pausa.
Lui: pausa.
Lei: Forse non ho poi così bisogno di una pausa.
Lui: tu tu tu
Lei: E' stata una mia scelta.

Guardate siore e siori, guardate come la nostra lei va consapevolmente al macello lungo una via lastricata d'oro! osservate la perizia tutta femminile con cui lei cerca di suggerire a lui la cosa giusta da dire! imparate l'arte della dissimulazione e l'imprescindibile importanza dell'avere l'ultima parola!
Arte. Pura arte tragica al femminile.
Che mi si creda o no, arriva il momento in cui una lei, vuole il pathos.
E allora, inevitabilmente, decide di autoinfliggerselo.

7 commenti:

Zurli ha detto...

Citi Kant tra la Vodafone e un'altra reclam ...
parli di BARIcentro ...

mmm ... che succede ?

Fede ha detto...

e' tutta colpa della pausa, la pausa e' una lenta agonia, quando entra in gioco la pausa le leggi dell'universo non valgono piu'.
Odio la pausa! Si vede che sono stata smollata da uno dopo una pausa? Spero che mi rimpianga ancora dopo 16 anni.

#9 ha detto...

Scene di vita vissuta [un po' da tutte le donne]
Il problema è che il maschio non possiede le infinite intensità di stati d'animo che ha donna, poverino!

TheLegs ha detto...

Sì ma così non rende.
Ci vuole qualche artizio fonetizzante.

Tipo:
Il cièlo stéllæto sopva di mé, la lègge movæle dentvo di mé.

(E' sempre commovente ricordarmi cosa ci lega :P)

ANIA ha detto...

Ho sorriso e ti approvo ma questo non vuol dire che prenderò un attimo di pausa dal tuo blog.
Ciao

indiano ha detto...

uno dei tanti motivi per cui son contento di essere nato uomo

Penny Lane ha detto...

Si chiama arte di darsi la zappa sui piedi. E in questo noi donne, con le nostre braccine debolucce e poco muscolose, siamo maestre.
Maledetti palestrati senza sfumature...

Subscribe