Yes, darling. Life sucks

Learning how to cope since 1982

Follia. Follia con retrogusto di sensi di colpa e contorno di non detto.
Nella mia vita i momenti di maggiore alienazione si sono sempre svolti in macchina con la mia famiglia.
Pensate a quattro individui adulti e vaccinati, con il proprio bagaglio personale di piccole frustrazioni e rancori taciuti, chiusi in una Y10 scassata. Se poi la Y10 in questione si trova nel traffico della tangenziale di bari congestionata per la pioggia, il potenziale distruttivo è all' incirca quello sviluppatosi a Nagasaki.
Ce ne andiamo bel belli verso l'Ikea in cerca di un po' di sana obnubilazione, ignari della reazione a catena che si sta per innescare. Lo schema è sempre lo stesso: padre che inveisce contro il motorino che lo costringe a inchiodare, madre in recrimination mode che inveisce contro il padre che guida in modo nervoso dandole la nausea, ma non sa se è la sua guida o se è lui, figlia numero 1 che inveisce contro la madre che non fa altro che criticare il di lei padre e le ha trasmesso un senso della relazione di coppia precario anzichenò, figlia numero 2 che inveisce contro la figlia numero 1 perché non si deve immischiare degli affari dei genitori e perché è una stronza saccente. Nelle retrovie già ci si azzuffa. Madre che parte col suo anatema preferito: se non mi fossi sposata, adesso avrei tre grossi problemi in meno. Sarei una donna felice e riuscita. Maledetto il giorno.E punta il dito al cielo stile Fra' Cristoforo.
Poi il silenzio, la solita mazzata dietro la nuca. La Y10 che non è più una macchina ma una cassaforte di nevrosi su quattro ruote. Figlia numero 1 che inizia a canticchiare una nota canzone.
All' improvviso tutti cantano, nessuna tragedia all'orizzonte.

P.S. Il tronista di Maria De Filippi, Giuseppe, ha appena detto "ti amo" e regalato un solitario delle dimensioni di casa mia alla sarda Serena. Lo voglio vedere tra qualche annetto in una Y10.

20 comments:

ANIA said...

La Y10 è davvero piccolina ma se dentro c'è amore... si sta anche più caldi in inverno. Certo che d'estate è meglio una Y10 in solitario, sai il caldo da forza ai muscoli e sabbia alle cervella.
See you.

ANIA said...
This comment has been removed by the author.
Goldo said...

ucciderli tutti sarebbe per te fonte di dispiacere?

dressel1981 said...

di solito io risolvo con musica a palla nelle orecchie e libro

Divara said...

Hai appena fatto il ritratto della mia famigliola...
Io, per la precisione ho il ruolo della figlia n 1, sebbene minore, che insulta la madre, ma in realtà pensa che abbia ragione lei...

Alzata con pugno said...

ah-ah! Mi piace questo blog...c'è sana cattiveria!!! Tornerò, ciao ;)

MasterMax said...

Le premesse non sono male... la cattiveria mista a della sana nevrosi da tutti in famiglia pure... intanto di feeddo così non ti perdo (che fa pure tanto rima involontaria)

P.S. l'avviso per l'abolizione della K è fantastico!

L&F said...

Scusa ma tu chi saresti? Scarterei il padre, la y10 e l'Ikea...

stellavale said...

La y10 mi ricorda una bellissima canzone di Daniele Silvestri. Io ero un'adolescente sognante e la y10 era bordeaux..... bei tempi.

indiano said...

i suv li hanno inventati per questo: sono così grandi che non si riesce a parlare con gli altri passeggeri.

J.Cole said...

Ma com'è che le madri italiane sono tutte uguali? Si tengono dei corsi appositi nei reparti maternità? bah...

Ross said...

Ah come ti capisco! Quando sono in macchina con i miei l'unica occupazione che mi consente di mantenere un minimo di salute mentale è chiacchierare con il contachilometri.

Bel blog, tornerò!

Sempreinspiaggia said...

E cosa cantano cosa?

iggy said...

se tutti mirassimo all'estinzione della specie umana, il pianeta terra avrebbe qualche miliardo di problemi in meno. e visse felice e contento.

Dreamer said...

Perfetto ritratto della famiglia media italiana.

Saluti!

Dreamer said...

Allora non sono stato l'unico a passare la pasquetta in casa ! Bhe dai ci rifaremo l'anno prossimo ! :D

ANIA said...

Ciao volevo solo dirti che ti ho nominato! Leggi il mio ultimo post e capirai. Ania

Miss Dickinson said...

Il ritratto della famiglia media è perfetto e questa tua ironica cattiveria ci sta come il cacio sui maccheroni.
Mi permetto di correggere Giuseppe, in Giovanni, visto che ho visto anch'io il brillocco che ha regalato a Serena e conosco tutta la situazione precedente di questi due giovani innamorati che non sanno cosa li aspetta!

Roberto Fusco Junior said...

L'automobile rappresenta benissimo in questo senso la prigione. Non so se mi spiego.

Baol said...

Sei mia sorella?

Subscribe